Stato di carta

Da oggi, se ancora non era chiaro, possiamo affermare con assoluta certezza che viviamo in uno Stato di carta, e non è soltanto un modo di dire. Una nazione che non sa proteggere i propri cittadini dalla violenza e dai soprusi non può essere chiamata in altro modo.

Si apre un altro capitolo della travagliata vicenda riguardante le “case occupate”. E’ incredibile, ma se foste testimoni del tentativo di sfondamento della porta di un appartamento sfitto nel vostro stesso palazzo, da parte di occupanti abusivi, sappiate che è molto meglio non rivolgersi alla polizia e scegliere piuttosto di farsi i fatti propri. Vi chiedete il perchè?

La risposta è tanto semplice quanto vergognosa. Se, pur riconoscendo le persone che hanno commesso il fatto, foste tentati di sporgere denuncia, rischiereste infatti una controdenuncia, oltre a intimidazioni più o meno velate da parte dei diretti interessati. Non solo, ma chiamando spesso le forze dell’ordine per sventare altri simili tentativi, sareste addirittura etichettati come indomabili rompicoglioni, dal momento che voi personalmente non state subendo alcun tipo di danno.

E’ ciò che sta accadendo nel complesso residenziale di via Sante Vandi in Roma, già occupato da numerosi abusivi, ma teatro di continui tentativi di effrazione. Si tratta di un triste insegnamento per le future generazioni: in questa nostra povera Italietta è consigliabile provvedere a se stessi evitando di preoccuparsi dell’illegalità che ci circonda, perchè occuparsene potrebbe significare ottenere un effetto boomerang devastante.

Con buona pace della giustizia, i condomini regolari hanno pertanto deciso di arrendersi, comunicando ufficialmente che gli appartamenti ancora liberi sono disponibili. Chiunque sia interessato potrà quindi farsi avanti, non verrà ostacolato in alcun modo, ci si raccomanda soltanto di rispettare la fila, perchè non verrà installato alcun sistema eliminacode.

Bandiera bianca dunque. Spogliamoci di ogni buon proposito, cancelliamo la parola “etica” dai nostri dizionari, consegnamola ad altre civiltà più meritevoli, noi abbiamo fallito.

Si salvi chi può!

La redazione rimane a disposizione per valutare altre segnalazioni ed aggiornare i lettori del blog sulle eventuali novità che ci verranno comunicate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *